Bitcoin Futures Surge potrebbe segnalare l'imminente approvazione del primo ETF Bitcoin statunitense

Un caso di buy-the-rumor, sell-the-news sembra essere di gran moda a Chicago, sede del Chicago Mercantile Exchange Group (CME Group
ECM
), la più grande borsa regolamentata di futures e opzioni al mondo. La voce in questione circola da settimane e postula che la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense potrebbe accettare di approvare la creazione di ETF bitcoin se questi ultimi utilizzano contratti futures BTC come garanzia anziché spot bitcoin. 

Il che ci porta all'improvviso aumento del denaro depositato nei contratti futures bitcoin 'open interest' (OI) dall'inizio di settembre. Pensa all'open interest come il denaro che gli investitori legano per sostenere le scommesse sull'attività di mercato. I dati CME mostrano che al 12 ottobre c'erano 10,918 contratti in BTC futures OI, un aumento del 72% in un periodo di sei settimane. Mentre i contratti erano in rosso da metà febbraio, ora sono in nero rispetto a dove è iniziato l'anno.

Di recente Forbes Il rapporto ha indicato che un numero relativamente piccolo di operatori commerciali sta svolgendo un ruolo chiave dal lato della domanda che si riflette nell'aumento dell'OI dei futures bitcoin CME. Sebbene l'identità di queste aziende sia protetta sia dal CME che dal protocollo di reporting CFTC, il modo in cui sono etichettate nel rapporto CFTC Commitments of Traders suggerisce che si tratta di società e istituzioni finanziarie non statunitensi con una profonda conoscenza del settore.


Fonte: https://www.forbes.com/sites/javierpaz/2021/10/13/bitcoin-futures-surge-could-signal-imminent-approval-of-first-us-bitcoin-etf/


Video Youtube