L'hash rate di Bitcoin sale ad ATH quando Jack Dorsey conferma il sistema di mining di Block

L'hash rate di Bitcoin (BTC) è tornato ai massimi storici nonostante la perdita di un contributore chiave all'hash rate. Nel frattempo, in mezzo a un'azione sui prezzi poco brillante, il CEO di Block Jack Dorsey confermato la creazione di un sistema di mining di Bitcoin aperto.

Lo spazio BTC continua a sorprendere e confondere critici e fanatici allo stesso modo. Il Kazakistan, il secondo paese minerario di BTC più importante della rete, ha subito un blackout di Internet la scorsa settimana a causa di disordini civili. Tuttavia, l'hash rate ha vacillato non più del 13.4% prima di risalire per raggiungere i massimi storici.

Come mostrato nei dati sottostanti di Glassnode, con il prezzo che ieri è rientrato nell'intervallo di $ 42,000, l'hash rate medio ha raggiunto i 215 milioni di terahash al secondo.

I minatori di bitcoin continuano a mostrare resilienza e, come ha osservato Fidelity Digital Assets, la rete è ancora "più ampiamente distribuita in tutto il mondo". 

Cointelegraph aveva precedentemente riferito che Block avrebbe sviluppato sistemi di mining di Bitcoin open source nel 2022 a causa di annunci di lavoro su Linkedin. Ieri, Jack Dorsey ha confermato l'impressione, retweeting commenti fatti da Thomas Templeton, un direttore generale di Block.

Nel thread di Twitter, Templeton ha affrontato problemi relativi alla disponibilità, affidabilità, prestazioni e prodotti relativi al mining di BTC. In sintesi, gli obiettivi di Block per il mining di BTC sono i seguenti:

“Vogliamo rendere il mining più distribuito ed efficiente in ogni modo, dall'acquisto, alla configurazione, alla manutenzione, al mining. Siamo interessati perché il mining va ben oltre la creazione di nuovi bitcoin. Lo vediamo come una necessità a lungo termine per un futuro completamente decentralizzato e senza autorizzazione".

Correlata: Jack Dorsey annuncia Bitcoin Legal Defense Fund

Costruire un sistema di mining BTC "all'aperto" e insieme alla comunità non è un'impresa da poco. Econoalchemist, un affermato minatore BTC domestico e collaboratore della rivista BTC, tweeted che lo sviluppo di prodotti in open source "costruirebbe la fiducia dove attualmente non esiste alcuna reputazione e potrebbe anche spostare le aspettative dei consumatori in quella direzione".

In definitiva, le soluzioni di mining di Block potrebbero aprire la strada a più minatori fai-da-te per entrare nello spazio.

Sembra che il cielo sia il limite per l'hash rate. Bene, almeno fino ai prossimi blocchi del 2016 quando la difficoltà di rete si ripristina.