Crypto come mezzo di pagamento vietato in Russia dopo la firma della legge Putin

Vladimir Putin, il presidente della Russia, ha recentemente firmato una nuova legge. Questa legge proibirà ufficialmente il utilizzo di criptovalute al fine di facilitare il pagamento all'interno del Paese e sarà in vigore entro il 2021. Allo stesso tempo, il governo russo ha recentemente iniziato a utilizzare la tecnologia blockchain al fine di facilitare il suo emendamento costituzionale

Pagamenti crittografici illegali per la Russia nel 2021

RIA, un punto vendita locale, è andato in dettaglio venerdì sulla questione. La RIA ha spiegato che il disegno di legge del Presidente Putin che ha appena firmato riguarderà la prevenzione dell'uso della criptovaluta per pagare beni e servizi in Russia per i suoi cittadini. Però. Ciò che questa fattura farà è abilitare le transazioni tramite risorse finanziarie digitali (DFA) all'interno del paese.

Accanto a questo, ai funzionari governativi, così come a qualsiasi individuo a cui è proibito possedere conti all'estero, è ufficialmente vietato possedere qualsiasi forma di criptovaluta.

Si applicano i termini e condizioni

Anatoly Aksakov è il capo del comitato della Duma di Stato sul mercato finanziario e ha anche commentato questo nuovo disegno di legge. Aksakov ha spiegato che il governo russo ha ufficialmente definito le criptovalute come mezzo di investimento, pagamento e risparmio. Con questa nuova legge, Aksakov vedrà il Rublo russo rimanere l'unica forma di corso legale all'interno dei confini della Russia, che è qualcosa che qualsiasi paese desidera.

Con questa nuova legge data l'approvazione ufficiale da parte del governo, va notato che c'è una clausola chiave all'interno dell'articolo. Le persone fisiche e giuridiche della Russia saranno in grado di contestare le transazioni effettuate con valute digitali all'interno del tribunale. Tuttavia, questo sarà il caso solo se hanno già dichiarato le transazioni stesse, così come il fatto di possedere criptovalute, per cominciare.

Era di nuovo a maggio quando iniziarono i legislatori russi proporre un conto ciò renderebbe illegale il commercio e l'emissione di criptovalute all'interno del paese. Questa proposta originale prevedeva di colpire i trasgressori con multe fino a due milioni di rubli e di far rispettare il tempo di detenzione. Tuttavia, non passò molto tempo prima che iniziassero a giungere notizie secondo cui la Duma di Stato mirava a rimuovere le implicazioni criminali della proposta di legge.

Alla Russia piace Blockchain, ma non criptovaluta

Il lungo e il corto di questa nuova fattura è questo: Crypto, come mezzo di pagamento, è vietato. Tuttavia, le società sono ancora in grado di emettere DFA, qualora dovessero ottenere l'approvazione della Banca di Russia.

I titoli tokenizzati possono essere scambiati con altre attività, con queste transazioni prima approvate, quindi monitorate dalla banca centrale russa. Le modalità saranno sviluppate dalla banca di Russia per valutare anche i DFA, determinando se sono adatti all'investimento o meno. Anche così, va notato che i DFA non possono servire come mezzo di pagamento, proprio come la sua controparte in criptovaluta.

Fonte: https://insidebitcoins.com/news/crypto-as-payment-means-outlawed-in-russia-after-putin-law-signing