Gli esperti di energia prestano molta attenzione alle criptovalute nel mezzo di guerre petrolifere accresciute

14 mar 2020 alle 10:08 // News

Oil Wars fa sì che i giocatori di energia si trasformino in criptovaluta

Le dinamiche all'interno dei mercati energetici globali potrebbero definire il futuro di Bitcoin e altre criptovalute, non specificamente in termini di domanda e offerta. Ci sono guerre in corso nel settore petrolifero, in gran parte orchestrate dalle lotte tra i principali paesi produttori di petrolio.

Le turbolenze del mercato petrolifero potrebbero beneficiare Bitcoin


Di solito, le guerre di mercato in corso nei mercati petroliferi sembrano essere una semplice lotta di potere tra due principali paesi produttori di petrolio; Russia e Arabia Saudita. Il petrolio, una delle principali merci che gestisce l'economia globale, sta lottando per mantenere un approvvigionamento costante. La Russia e l'Arabia Saudita non sono state d'accordo sul fatto che uno è contro gli Stati Uniti e l'altro un alleato.


Esiste una relazione costante tra il prezzo del petrolio e l'USD. ogni volta che il petrolio costa poco, il dollaro aumenta di valore, ma questa volta un altro giocatore, il coronavirus sta cambiando la relazione tra il prezzo del petrolio e il valore del dollaro USA. Un altro importante produttore di petrolio dell'Iran sta combattendo nuove sanzioni economiche statunitensi.


Nel frattempo ci sono
rapporti che il regime iraniano sta sviluppando capacità di criptovaluta per sfuggire agli effetti delle enormi sanzioni statunitensi sulla sua economia. Al momento due paesi colpiti dalle sanzioni commerciali statunitensi Cina e Iran stanno entrambi lavorando allo sviluppo di un possibile ecosistema di criptovaluta per le loro banche centrali.


C'è una nuova ondata di paesi produttori di petrolio che cercano di sviluppare le proprie criptovalute per sfuggire alla recessione economica associata alla forte dipendenza dall'USD. Nel frattempo, la principale rotta di navigazione petrolifera saudita è costantemente sotto attacco da parte dei ribelli Houthi sostenuti dall'Iran che controllano la maggior parte delle parti dello Yemen causando il declino
forniture di petrolio.


Alla ricerca di assistenza per Bitcoin e criptovalute


Nel frattempo le sanzioni contro le transazioni finanziarie tra banche non sono facili da mitigare, ma Bitcoin ha possibilità al di fuori del controllo del governo degli Stati Uniti. Esistono alte prospettive di utilizzo di Bitcoin per finanziare transazioni all'interno dei mercati dell'energia che possono chiarire gli effetti delle sanzioni.


A differenza dei mercati dell'energia, Bitcoin è una delle attività meno correlate nel pool di attività economiche globali. L'unico rischio che Bitcoin presenti attualmente a un possibile uso per finanziare transazioni nel settore energetico è l'elevata turbolenza dei prezzi. È molto probabile che i governi che vedono il bitcoin come una minaccia al sistema finanziario globale stiano facendo del loro meglio per aumentare la fluttuazione del prezzo del bitcoin per rendere la criptovaluta che non possono controllare meno normalmente nel mondo reale.


Gli attori del mercato petrolifero che sono contro il dominio del dollaro americano nei mercati petroliferi globali stanno cercando un possibile rimpiazzo. Sia la Cina che la Russia potrebbero avere la propria criptovaluta nel giro di pochi mesi. Ci sono alte probabilità che la maggior parte del commercio mondiale di petrolio sarà finanziata utilizzando la criptovaluta. Non c'è dubbio che questo migliorerà le prospettive su Bitcoin come la principale e prima criptovaluta mai esistita.

Fonte: https://coinidol.com/energy-paying-attention-cryptocurrency/

Lascia un Commento

Devi essere connesso per lasciare un commento.