I manifestanti iraniani affermano che il regime sta usando "agenti nervosi" per sedare le rivolte

Proteste in Iran si sono costantemente intensificate nei due mesi dal 22enne Mahsa Amini morto per ferite inflitto dal polizia morale per aver indossato un velo "inappropriato". Ora le cose stanno raggiungendo una fase critica con le forze di sicurezza dispiegamento di armi pesanti ed elicotteri. Secondo le Nazioni Unite, alcuni 40 persone sono state uccise solo nell'ultima settimana. Ora ci sono un'ondata di accuse che le forze di sicurezza stanno facendo utilizzando gas nervino contro il proprio popolo.

Le affermazioni hanno avuto origine nei social media e hanno stato copiato molte volte. Mostrano video di ciò che sembra fumo verde alla deriva nei confronti dei manifestanti nella regione curda di Javanroud, o immagini di munizioni. I post virali li descrivono come crimini contro l'umanità, crimini di guerra e genocidio e chiedono aiuto al mondo.

Gli iraniani hanno brutti ricordi degli agenti nervini. Durante la guerra Iran-Iraq degli anni '1980, le forze del regime di Saddam Hussein tentarono di controbilanciare la superiorità del loro nemico nella forza lavoro utilizzando armi chimiche, avvertendo pubblicamente l'Iran che "per ogni insetto dannoso c'è un insetticida in grado di annientarlo qualunque sia il loro numero e l'Iraq possiede [es] questo insetticida di annientamento". Quando le forze iraniane presero la città di Halabja nel 1988, gli iracheni bombardato con una miscela di iprite e agenti nervini, uccidendo oltre 3,000 persone.

Tuttavia, questo caso è molto diverso. Dan Caszeta, esperto di armi chimiche e Associate Fellow presso il think tank della difesa del Regno Unito RUSI, è stato bombardato di richieste dall'Iran per aiutare a identificare i misteriosi "agenti nervini" coinvolti. Per lui è abbastanza ovvio che non ce ne sono.

"La cosa fondamentale è che non ci sono prove di 'agenti nervosi' in questi recenti incidenti", ha detto Kaszeta a Forbes. "Tutte le immagini sono facilmente attribuibili a noti ordigni fumogeni e munizioni antisommossa".

Non c'è gas nervino verde (è generalmente invisibile). Kaszeta afferma che i video mostrano fumo verde di segnalazione militare. Indica anche un tweet affermando di mostrare una "arma chimica vietata" con una cartuccia che è chiaramente etichettata come gas CS, un agente antisommossa a livello internazionale consentito per l'uso della polizia.

“È letteralmente 'guarda! È un elefante!' quando è chiaramente e ovviamente uno scenario da vacca”, dice Kaszeta.

Kaszeta afferma che mentre il regime utilizza il gas CS (tecnicamente a arma chimica che non è consentita in guerra) e fumo verde per disperdere le proteste, ma questi non hanno nulla a che fare con gli agenti nervini.

"Le granate fumogene verdi HC sono maleodoranti e sgradevoli, ma sono in gran parte uno stratagemma teatrale per provocare il panico", afferma Kaszeta.

Alcuni dei tweet discutono della composizione chimica del fumo verde, prodotto dai militari standard granate fumogene colorate, utilizzato ad esempio per contrassegnare un punto di atterraggio per elicotteri in modo che possa essere visto dall'alto. Alcune granate fumogene verdi sono pari commercializzato per il controllo della folla. Il fumo contiene esacloroetano (HC), che può essere tossico ma non può essere descritto come un agente nervino.

"L'attenzione medica per questo fumo verde è in gran parte 'portare la persona all'aria pulita e starà meglio da sola'", Kaszeta note in un tweet, aggiungendo "Le persone con gravi difficoltà respiratorie potrebbero trarre beneficio dall'ossigeno".

Il lato medico, infatti, è uno degli aspetti della disinformazione che più preoccupa Kaszeta. Gli agenti nervini sono in genere trattati con atropina, che è di per sé altamente tossico ma può salvare la vita a qualcuno con avvelenamento nervoso. Dare atropina a qualcuno che non è stato esposto a un agente nervino potrebbe essere fatale.

“Farà uccidere qualcuno”, dice Kaszeta.

Questa non è la sua unica preoccupazione. Un altro è che le esagerazioni danneggiano la causa; fare affermazioni dimostrabilmente false sulle azioni del regime rischia di mettere in dubbio altre affermazioni valide. In una situazione in cui le forze di sicurezza hanno già ucciso così tante persone, nessuno dovrebbe dare sfogo al regime.

Un altro problema è che più affermazioni false circolano, più difficile è per analisti come Kaszeta identificare incidenti autentici. Ciò rende più difficile controllare la non proliferazione e garantire il rispetto degli accordi internazionali sulle armi chimiche.

Questa situazione in Iran è grave e le persone muoiono. Ma le accuse sugli agenti nervini sono semplicemente una distrazione da questioni più importanti e, come afferma Kaszeta, "abbastanza fuorvianti".

Fonte: https://www.forbes.com/sites/davidhambling/2022/11/24/iranian-protesters-claim-regime-is-using-nerve-agents-to-quell-riots/