Starbucks si è preparato per chiudere i negozi mentre aumenta il bilancio delle vittime del Coronavirus negli Stati Uniti

  • Starbucks ha vietato l'uso di tazze riutilizzabili per aiutare a rallentare la diffusione del coronavirus.
  • La catena del caffè prevede inoltre di chiudere gli sbocchi se colpiti da un'infezione.
  • Le sue mosse sono un avvertimento di come la vendita al dettaglio americana potrebbe essere gravemente influenzata dal coronavirus.

Coronavirus ha spaventato Starbucks.

Il gigante del caffè ha annunciato che non accetta più le tazze riutilizzabili dei clienti. Con lo scopo di ridurre la probabilità che il coronavirus si diffonda attraverso i suoi depositi, questa mossa è una delle seguenti diverse misure precauzionali annunciate mercoledì.

Se l'incapacità di usare la propria tazza non era già abbastanza grave, Starbucks si sta anche preparando a chiudere le prese in caso di infezione. Se non altro, questa è un'indicazione della gravità della situazione del coronavirus negli Stati Uniti.

Il virus ha ora avuto un impatto su almeno 18 stati., causando 11 decessi confermati. Quindi Starbucks probabilmente non sarà l'unico punto vendita al dettaglio americano a considerare di chiudere le porte.

Starbucks: nessuna tazza riutilizzabile, possibili chiusure

Com'era prevedibile, i clienti di Starbucks non sono troppo contenti della decisione della catena di caffè di smettere di servire bevande in tazze riutilizzabili.

Fonte: Twitter

Altri clienti supportano la nuova politica. Tuttavia, alcuni sottolineano che la politica è compromessa da altre pratiche bariste meno igieniche di Starbucks.

Fonte: Twitter

Rifiutare le tazze riutilizzabili è una pratica sensata. Non puoi garantire che le persone lavino le loro tazze abbastanza bene. Tuttavia, Starbucks smetterà di accettare denaro? Rifiuterà l'uso di carte bancarie e carte fedeltà? O che dire dei clienti che toccano sedie, banconi, porte, pareti e così via?

È discutibile che la precauzione della tazza riutilizzabile Starbucks sia più spaventosa che utile. La cosa più spaventosa è che Starbucks si sta preparando a chiudere i negozi nel caso in cui i punti vendita siano direttamente interessati dalle infezioni da coronavirus.

Le sue cinque "misure precauzionali" includono quanto segue:

Abbiamo fornito ai nostri team di negozio informazioni procedurali basate su scenari su come segnalare e supportare chiunque possa esprimere il loro impatto sul virus, incluso il supporto decisionale sulla chiusura del negozio.

"Supporto decisionale per la chiusura del negozio." Fondamentalmente, Starbucks è disposto a chiudere i negozi se un dipendente ha sintomi di coronavirus. O forse se apprendono che un cliente ha o ha avuto il coronavirus.

Quindi sì, non essere in grado di usare la tua amata tazza riutilizzabile potrebbe essere il peggiore dei tuoi problemi di dipendenza da caffeina.

Coronavirus che copre gli Stati Uniti

Ad essere onesti, le nuove politiche di Starbucks sono semplicemente una reazione alla continua diffusione del coronavirus negli Stati Uniti.

Almeno 18 stati hanno ora riportato casi di coronavirus. Come accennato in precedenza, 11 persone sono morte, con dieci morti nello Stato di Washington e uno in California.

È probabile che altri punti vendita oltre a Starbucks esamineranno attentamente la possibilità di chiudere i negozi se la situazione peggiora.

La cosa particolarmente triste della nuova disponibilità di Starbucks alla chiusura del negozio è che predice come il commercio al dettaglio negli Stati Uniti subirà gravi conseguenze dal coronavirus.

In Texas, il centro commerciale North Star a San Antonio chiuso questa settimana dopo che un paziente che era risultato positivo al coronavirus lo aveva visitato. Allo stesso modo, un recente sondaggio ha scoperto che Il 58% degli americani eviterà centri commerciali e luoghi di intrattenimento se l'epidemia peggiora. Quindi i negozi potrebbero finire per essere chiusi per impostazione predefinita, poiché pochi se qualcuno li visiterà.

Tutto ciò indica uno scenario sempre più cupo. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) recentemente aumentato la sua stima della morte del coronavirus al 3.4%.

Come suggerisce la probabilità della chiusura di negozi di caffè e negozi, il coronavirus potrebbe interrompere e impoverire la nostra vita quotidiana. Senza la possibilità di uscire per un caffè, per andare al centro commerciale o per anche guardare lo sport, sopportando il “pandemia” del coronavirus diventerà molto più difficile.

Questo articolo è stato modificato da Sam Bourgi.


Fonte: https://www.ccn.com/starbucks-prepared-to-shutter-stores-as-us-coronavirus-death-toll-rises/

Lascia un Commento

Devi essere connesso per lasciare un commento.