Trump citato in giudizio per stupro nella nuova causa contro E. Jean Carroll poiché la legge di New York dovrebbe innescare un'ondata di cause per violenza sessuale

Linea superiore

La scrittrice E. Jean Carroll ha citato in giudizio l'ex presidente Donald Trump giovedì per violenza sessuale, incluso lo stupro di primo grado, il suo secondo querela contro l'ex presidente, parte di un'attesa ondata di cause legali mentre entra in vigore una legge di New York che concede alle vittime di violenza sessuale un periodo di un anno per intentare causa anche dopo la scadenza del termine di prescrizione.

ESPERIENZA

Carroll citato in giudizio Trump alla corte federale di New York per percosse dopo averla presumibilmente "violentata e palpeggiata con la forza" in un camerino di Bergdorf Goodman negli anni '1990, che la causa sostiene "ha gravemente ferito Carroll, causando dolore e sofferenza significativi, danni psicologici duraturi, perdita di dignità e invasione della sua privacy.

La causa civile accusa Trump di stupro di primo e terzo grado; abusi sessuali di primo e terzo grado; cattiva condotta sessuale e contatto forzato, e chiede al tribunale di concedere a Carroll un importo non specificato a titolo di risarcimento danni.

Accusa anche Trump di diffamazione dopo che l'ex presidente si è scagliato contro Carroll sulla sua piattaforma Truth Social a ottobre, definendo le sue accuse contro di lui "una bufala e una bugia", separate dalle accuse di Carroll causa iniziale accusando Trump di diffamazione sulla base di commenti simili che ha fatto nel 2019.

Carroll ha intentato la causa sotto New York's Legge sui sopravvissuti adulti, poiché giovedì si è aperta la finestra di un anno per le vittime adulte di violenza sessuale per intentare causa anche dopo la scadenza del termine di prescrizione.

Altre azioni legali previste dall'Adult Survivors Act includono il contenzioso della vittima di Jeffrey Epstein Liz Stein, che detto l'Associated Press ha in programma di citare in giudizio Ghislaine Maxwell, socio di Epstein e altre parti, e cause contro lo stato di New York da almeno 750 persone che affermano di essere state aggredite dal personale delle strutture penitenziarie statali.

Che cosa da guardare

Gli avvocati di Carroll chiedono che la sua nuova causa contro Trump sia processata contemporaneamente alla prima causa per diffamazione che ha intentato. Un processo in quel caso è attualmente fissato per febbraio, ma lo scrittore chiesto il tribunale la scorsa settimana per rinviarlo ad aprile 2023 per accogliere il secondo caso. È anche ancora in dubbio se il caso iniziale di Carroll andrà avanti, tuttavia, poiché una corte d'appello di Washington, DC, sta ora valutando la questione se Trump stesse agendo nell'ambito del suo impiego come presidente quando ha fatto il presunto diffamatorio commenti su di lei nel 2019. Se all'epoca avesse agito come presidente, ciò significherebbe che il caso di Carroll fallirebbe, poiché la sua causa sarebbe contro gli Stati Uniti invece che contro Trump come privato cittadino, e gli Stati Uniti non possono essere citati in giudizio per diffamazione.

Grande numero

Quasi 11,000. Questo è il numero di cause legali intentate ai sensi di una legge simile di New York che ha concesso una finestra di due anni ai minori vittime di violenza sessuale per intentare azioni legali dal 2019 al 2021, su cui è stato modellato l'Adult Survivors Act, secondo l'organizzazione no profit BAMBINO USA. L'AP rapporti che mentre la legge sugli adulti dovrebbe portare almeno centinaia di azioni legali, non è chiaro se il numero di cause intentate sarà alto quanto la legge sui bambini. Portare il contenzioso sotto quella legge era particolarmente allettante per gli avvocati, osserva l'AP, data la possibilità di costosi accordi contro le istituzioni responsabili della cura dei bambini.

Critico principale

Trump ha pesantemente negato le accuse di Carroll contro di lui, provocando la sua successiva causa per diffamazione contro di lui, e senza successo l'ha ribattuta sostenendo che stava muovendo accuse "prive di fondamento" contro di lui.

Fatto sorprendente

Sebbene Habba stia rappresentando Trump nella causa iniziale di Carroll, l'avvocato ha detto in un'udienza in tribunale martedì che ancora non sa se lo rappresenterà anche nella nuova causa, nonostante sia noto da agosto che Carroll avrebbe intentato una causa. ai sensi della legge sui sopravvissuti adulti. "Il suo cliente nella presente causa, signora Habba, sapeva che sarebbe successo da mesi e farebbe bene a decidere chi lo rappresenta in essa, perché la questione dovrà essere risolta prontamente", il giudice distrettuale degli Stati Uniti Lewis Kaplan, che sta ascoltando La prima causa per diffamazione di Trump di Carroll, ha detto in tribunale martedì, come citato da Insider.

Sfondo chiave

Il Governatore di New York Kathy Hochul (D) ha firmato l'Adult Survivors Act in maggio, dopo che la legislazione aveva precedentemente in fase di stallo nella legislatura statale sotto il precedente governatore Andrew Cuomo (D) mentre affrontava le proprie accuse di cattiva condotta sessuale. Sebbene altri stati abbiano emanato leggi simili per le vittime di abusi sui minori, New York è solo il secondo stato dopo New Jersey per espandere la finestra del contenzioso a coloro i cui abusi sono avvenuti da adulti. La seconda causa di Carroll arriva tre anni dopo lo scrittore inizialmente citato in giudizio Trump alla corte federale nel novembre 2019, accusandolo di diffamazione dopo che lei aveva reso pubbliche per la prima volta le sue accuse di stupro contro di lui nel giugno di quell'anno. Quel caso si è mosso lentamente nel dibattito sulla possibilità che Trump possa essere citato in giudizio per diffamazione come presidente, dopo che il Dipartimento di Giustizia si è inserito nel caso nel 2020 e ne ha chiesto l'archiviazione. Kaplan respinto quell'argomento e si è pronunciato a favore di Carroll nell'ottobre 2020, ma allora una corte d'appello buttato fuori quella sentenza a settembre e ha inviato la questione se Trump stesse agendo nell'ambito del suo impiego a un'altra corte d'appello. Il Dipartimento di Giustizia ha continuato a difendere Trump nel caso anche sotto la presidenza di Joe Biden, affermando in un 2021 deposito in tribunale che mentre i commenti di Trump erano "rozzi e irrispettosi", alla fine ritiene che i commenti rientrino nell'ambito del suo impiego come presidente e quindi il caso di Carroll dovrebbe essere archiviato.

Letture consigliate

Caso E. Jean Carroll: cosa sapere sulla causa per diffamazione che accusava Trump di stupro (Forbes)

Ondata di cause legali per abusi sessuali vista mentre New York apre le porte alle vittime (Associated Press)

Lo scrittore che ha accusato Trump di stupro per intentare una nuova causa per diffamazione (New York Times)

Fonte: https://www.forbes.com/sites/alisondurkee/2022/11/24/trump-sued-for-rape-in-new-e-jean-carroll-lawsuit-as-ny-law-expected- alla-scintilla-inondazione-di-tute-aggressione-sessuale/