Perché i creatori di Ethereum NFT stanno cedendo diritti commerciali a tutti

In breve

  • Il popolare progetto NFT Moonbirds passerà a una licenza CC0, rendendo le sue opere d'arte di pubblico dominio.
  • Come con altri progetti CC0, significa che l'opera d'arte può essere utilizzata, remixata e commercializzata liberamente.

Uccelli lunari è uno dei 2022 progetti NFT di maggior successo, ottenendo un volume di scambi per un valore di oltre mezzo miliardo di dollari in pochi mesi. L'acquisto di uno ti costerà almeno $ 29,000 di ETH a partire da questa scrittura. Ma i suoi creatori hanno ora deciso che non dovrai possedere un Moonbird per usare le sue immagini.

Prova: il Web3 startup dietro il Collettivo Proof NFT gruppo e Moonbirds: hanno annunciato che passerà a Moonbirds e al recente stranezze raccolte NFT a un CC0, o Creative Commons Zero, licenza.

In effetti, significa che nessun diritto è riservato dai creatori e rende l'opera d'arte di pubblico dominio. Di conseguenza, chiunque può utilizzare le opere d'arte e le somiglianze di Moonbirds o Oddities per creare e vendere progetti derivati, merce, abbigliamento, qualsiasi cosa.

Il co-fondatore di prova Kevin Rose, imprenditore tecnologico e capitalista di rischio, postato un thread su Twitter con le notizie di oggi, iniziando notando la sua co-creazione della piattaforma social Digg nel 2004. Il veterano di Web2 ha affermato che le funzionalità pionieristiche di Digg sono state rapidamente imitate e ripetute dalle piattaforme concorrenti.

"La reazione istintiva predefinita è proteggere ciò che hai creato", ha scritto Rose. “Ma Web3 è un'opportunità per riavviare e riesaminare tutto tornando ai primi principi. Un'occasione per dire che gli altri non devono fallire per vincere. Un'occasione per essere più inclusivi e aperti a tutti”.

Come altri progetti CC0, Moonbirds farà affidamento sulla provenienza del Ethereum blockchain per dimostrare che gli NFT sono le creazioni originali. "L'autenticità di Moonbirds non verrà dagli avvocati che fanno rispettare i marchi", ha scritto Rose, "ma piuttosto dalla provata provenienza e dall'unica fonte di verità di smart contract. "

L'annuncio di Proof arriva pochi giorni dopo lo pseudonimo di crypto artist XCOPY ha twittato che avrebbero anche aperto tutte le loro opere d'arte precedenti al pubblico dominio.

XCOPY realizza un tipo di grafica NFT molto diverso rispetto a Moonbirds: la loro specialità sono le illustrazioni digitali in edizione singola che hanno venduto per milioni di dollari ciascuno. XCOPY aveva precedentemente reso di dominio pubblico la sua opera d'arte "Clic con il tasto destro, salva come ragazzo", che è stata venduta per un valore di quasi 7.1 milioni di dollari di ETH a dicembre 2021.

Lunedì, XCOPY ha scritto che il loro Opera d'arte "summer.jpg". verrebbe anche assegnato lo stato CC0 ... insieme a tutto il resto che hanno fatto non è una collaborazione.

"Non abbiamo ancora visto davvero un'estate CC0, ma credo che stia arrivando", ha scritto XCOPY, "Andrò 'all in' e applicherò CC0 [a] tutta la mia arte esistente".

Perché CC0?

Proof e XCOPY sono gli ultimi grandi creatori di Ethereum NFT ad attingere al crescente movimento CC0, ma non sono i soli. Nomi, un nuovo progetto NFT che mette all'asta un singolo NFT al giorno e conferisce ai proprietari il diritto di voto su un valore DAO tesoro, è probabilmente il progetto CC0 più noto nello spazio.

Le immagini dei nomi, inclusi gli "occhiali dei nomi" squadrati, possono essere utilizzate per tutti i tipi di progetti NFT derivati ​​e, se l'indicazione Lil' Nouns, 3D Nouns e NounPunks sono indicativi. Questa è solo la punta dell'iceberg e stiamo vedendo l'estetica dei sostantivi diffondersi nel merchandising e in altre strade come l'anniversario di un anno della sua approcci di lancio.

In effetti, i bicchieri Nouns erano apparso in uno spot pubblicitario di Bud Light durante l'ultimo Super Bowl. Il marchio Bud Light possiede un Nouns NFT e partecipa alle votazioni DAO, ma non doveva possedere la NFT per usare gli occhiali nello spot. Potrebbe essere una svolta inaspettata, ma si allinea bene con l'etica decentralizzata e open source del movimento Web3.

"Non hai più bisogno del copyright", co-creatore di Nouns 4156 detto decrypt lo scorso novembre. "Nello stesso modo in cui le citazioni accademiche rendono più importante l'articolo originale, la citazione dei nomi in qualunque forma si presentino - almeno, questa è la nostra tesi - renderà gli originali più importanti e più preziosi".

In altre parole, dal punto di vista di 4156 e di molti altri sostenitori del CC0, l'uso crescente e la proliferazione dell'IP dovrebbe restituire valore alle creazioni NFT originali, piuttosto che portarle via. In effetti, l'obiettivo è diffondere le immagini in lungo e in largo, come i meme.

Ma ci sono proprietari di NFT che potenzialmente traggono vantaggio da quell'espansione IP open source.

“CC0+NFT fa per i media cosa Bitcoin ha fatto per la moneta: trasforma un gioco contraddittorio in un gioco cooperativo”, 4156 ha twittato nel mese di maggio, come rileva l'an esauriente spiegazione di a16z Crypto del movimento CC0 pubblicato mercoledì.

È un grande esperimento e con Nouns è passato solo un anno. D'altra parte, le immagini di Nouns hanno già ottenuto visibilità durante una trasmissione del Super Bowl. E oltre a consentire e incoraggiare apertamente le opere derivate, il Nouns DAO utilizza continuamente il suo vasto tesoro per finanziare progetti che aiutano a espandere e diffondere ulteriormente l'IP.

L'asta dei nomi e il modello DAO sono unici, ma ci sono molti altri progetti CC0 là fuori, tra cui Città dei Goblin, CrypToadz, Mfers, Anonymice e Blitmap. Il bottino è un altro noto esempio del concetto, poiché gli elenchi NFT di equipaggiamento fantasy possono essere utilizzati come base per tutti i tipi di progetti, inclusi giochi e prodotti narrativi.

A differenza di quei progetti, Moonbirds non è iniziato come un progetto CC0: si sta aprendo al pubblico, indipendentemente da ciò che pensano le migliaia di proprietari di NFT. Rose, da parte sua, sembra essere in pace con l'idea di consegnare le chiavi a... beh, a chiunque ea tutti.

"Non possiamo cambiare idea", ha twittato. "Stiamo facendo il tifo per te e non vediamo l'ora di aiutarti a promuovere e supportare tutti i tuoi sforzi creativi".

Rimani aggiornato sulle notizie crittografiche, ricevi aggiornamenti quotidiani nella tua casella di posta.

Fonte: https://decrypt.co/106761/why-ethereum-nft-creators-are-giving-away-commercial-rights-to-everyone