Il giudice stabilisce che Elon Musk deve rispettare il mandato di comparizione della SEC

Un giudice statunitense ha ordinato a Elon Musk, il magnate della tecnologia dietro Tesla e SpaceX, di ottemperare a un mandato di comparizione della Securities and Exchange Commission (SEC) in merito alla sua acquisizione della piattaforma di social media Twitter, ora nota come X. Questo sviluppo è parte di un'indagine in corso della SEC sulle attività di Musk relative al suo acquisto di Twitter, concentrandosi su potenziali frodi sui titoli legate alle sue transazioni azionarie e sull'accumulo di azioni prima dell'acquisizione della piattaforma.

Acquisizione di X e controllo della SEC da parte di Elon Musk

In una recente istanza in tribunale, il giudice Laurel Beeler si è pronunciato a favore della SEC, affermando il diritto dell'organismo di regolamentazione di far rispettare il mandato di comparizione contro Elon Musk. La decisione sottolinea la rilevanza e la validità della richiesta di informazioni da parte della SEC a Musk, che ora deve fornire testimonianza per le indagini. La sentenza impone a Musk e alla SEC di coordinarsi per programmare una data e un luogo per la sua deposizione entro la prossima settimana.

Questa mossa legale arriva dopo che la SEC ha avviato un'azione contro Elon Musk per non aver rispettato un mandato di comparizione precedentemente emesso nel maggio dello scorso anno. L'agenzia ha esaminato attentamente le azioni di Musk nel 2022, in particolare il suo metodo di acquisizione di una partecipazione significativa in Twitter prima del suo buyout con leva finanziaria, per determinare se fosse coinvolta qualche frode sui titoli.

Elon Musk ha completato l'acquisizione di Twitter nell'ottobre 2022, acquistando la società per circa 44 miliardi di dollari. In seguito all’acquisizione, Musk ha intrapreso la missione di trasformare la piattaforma dei social media, introducendo diverse nuove funzionalità per trasformarla in un’app completa “tutto”. Tra gli sviluppi previsti sotto la guida di Musk c'è l'introduzione di un sistema di pagamento peer-to-peer (P2P), ma i dettagli sul coinvolgimento della criptovaluta in questa impresa sono ancora in sospeso.

L'indagine della SEC sui rapporti di Musk non si concentra esclusivamente sul processo di acquisizione, ma si estende ai suoi acquisti di azioni e all'accumulo di azioni Twitter prima dell'acquisizione ufficiale. L'organismo di regolamentazione ha espresso la necessità che la testimonianza di Musk raccolga informazioni essenziali pertinenti alle sue indagini per scoprire eventuali attività illegali o frodi sui titoli.

Musk risponde alle azioni della SEC

In risposta al mandato di comparizione della SEC, Musk ha criticato pubblicamente l'agenzia di regolamentazione, etichettando il mandato di comparizione come molestia e chiedendo una revisione significativa degli organismi di regolamentazione. Ha espresso le sue preoccupazioni su quello che percepisce come un abuso del potere normativo per un guadagno personale e politico, sostenendo un’azione punitiva contro coloro che abusano della propria posizione.

I commenti di Musk riflettono la sua più ampia insoddisfazione nei confronti del controllo normativo, un sentimento che ha espresso in vari contesti legati alle sue iniziative imprenditoriali. Nonostante le sue critiche, la recente sentenza della corte sottolinea l'obbligo legale che Musk ha di rispettare gli sforzi investigativi della SEC, ponendo le basi per la sua prossima testimonianza.

Man mano che la situazione si evolve, la comunità tecnologica e gli investitori osservano con attenzione gli sviluppi che circondano la testimonianza di Musk alla SEC. L’esito di questa indagine potrebbe avere implicazioni significative per le future attività imprenditoriali di Musk e per il panorama normativo per gli imprenditori tecnologici.

Fonte: https://www.cryptopolitan.com/jelon-musk-must-comply-on-sec-subpoena/