FF3 vuole lasciare che i cineasti finanzino i film con gli NFT

Punti chiave

  • Una nuova piattaforma chiamata FF3 consentirà ai registi di finanziare i loro progetti attraverso la vendita di NFT che includono diritti di proprietà intellettuale.
  • Oltre ai vantaggi standard come gli oggetti da collezione, alcuni NFT includeranno il diritto a una quota delle entrate del film.
  • L'innovazione fa parte della crescente ondata di interesse per gli NFT all'interno dell'industria cinematografica.

Condividi questo articolo

FF3, una piattaforma che consente ai registi indipendenti di finanziare i loro progetti attraverso le vendite NFT, lancerà il suo primo progetto di finanziamento di film alla fine di questo mese. Intitolato "The Dead of Winter", l'aumento fa parte di una più ampia ondata di interesse per i finanziamenti NFT all'interno dell'industria cinematografica.

Una spinta per i registi indipendenti 

Cardellino, un gruppo di finanziamento dell'intrattenimento con sede a Londra, ha annunciato il lancio di FF3, una piattaforma per il finanziamento di registi indipendenti attraverso le vendite di NFT che garantiscono, tra gli altri vantaggi, diritti di proprietà parziale sull'IP del film. 

Attraverso la piattaforma, i possessori di token avranno accesso a vari livelli di NFT, da oggetti da collezione come poster, note di regia e sceneggiature, a altro vantaggi esclusivi come l'accesso ai principali registi. Inoltre, alcuni degli NFT includeranno i diritti di proprietà sulla proprietà intellettuale del progetto, che daranno ai titolari una quota delle entrate del film. oi proprietari potranno anche rivendere gli NFT sul mercato secondario, consentendo così continue royalties per i registi e i possessori di token.

Il primo film ad essere lanciato sulla piattaforma FF3 è il thriller horror di Stephen Graves, I morti dell'inverno. Inizierà il suo round di finanziamento su FF3 il 24 gennaio. 

Secondo Goldfinch, i registi trarranno vantaggio da ciò per diversi motivi, tra cui la proprietà trasparente, l'accesso a più flussi di entrate, l'accesso ai finanziamenti in criptovaluta e il pagamento delle royalty attraverso le vendite sul mercato secondario.

Nick Sadler, il fondatore del programma First Flights che finanzia FF3, ha sottolineato la difficoltà che i registi indipendenti tipicamente incontrano nel cercare di finanziare i contenuti originali in un comunicato stampa. Egli ha detto: 

"Ci sono opzioni limitate per i registi indipendenti emergenti e affermati per sviluppare, finanziare e distribuire i loro contenuti, il che significa che i registi scelgono tra sacrificare la proprietà e il controllo delle loro idee o cadere al di fuori delle moderne strutture di distribuzione e finanziamento, il che può lasciare persone degne, argomenti e temi non finanziati e sottorappresentati”.

Sadler ha affermato che l'utilizzo della tecnologia Web3 per finanziare i film è stata "un'evoluzione naturale" per First Flights data la sua attenzione alla creazione di comunità e ha aggiunto di vedere il potenziale nella tecnologia.  

Secondo Phil McKenzie, Chief Operating Officer di Goldfinch, il progetto potrebbe anche avere un DAO in lavorazione. "La nostra visione è quella di creare una comunità decisionale decentralizzata e autonoma per consentire a sostenitori e creatori di collegare, creare e distribuire contenuti cinematografici", ha affermato, aggiungendo che il suo obiettivo era supportare i nuovi registi e i nomi più affermati del settore .

I DAO, altrimenti noti come organizzazioni autonome decentralizzate, stanno guadagnando sempre più terreno tra i nativi delle criptovalute per attività non correlate alla crittografia. Alla fine dell'anno scorso, un DAO noto come ConstitutionDAO ha tentato di acquistare una rara copia fisica della Costituzione degli Stati Uniti, alla fine non è riuscito a farlo, ma è riuscito a raccogliere più di 45 milioni di dollari nel tentativo. PleasrDAO, un gruppo originariamente formato per acquisire un NFT dall'artista cripto pplpleasr, ha anche fatto notizia in ottobre quando ha acquistato l'album unico di Wu-Tang Clan "C'era una volta a Shaolin". Più recentemente, un DAO chiamato BlockbusterDAO è emerso per rilevare l'ormai defunto marchio Blockbuster Video da Dish Network.

Divulgazione: al momento della scrittura, l'autore di questa funzione possedeva ETH e molte altre criptovalute. 

Condividi questo articolo

Fonte: https://cryptobriefing.com/ff3-want-let-filmmakers-finance-movies-with-nfts/?utm_source=main_feed&utm_medium=rss


Video Youtube